Contenuto principale

Messaggio di avviso

(Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive ai sensi del D.P.R. 07/09/2010 n. 160)

Il SUAP è lo strumento che mette in contatto le imprese con la Pubblica Amministrazione. La legge di riforma lo definisce così: "lo sportello unico costituisce l'unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttive e fornisce, altresì, una risposta unica e tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento".

Per "attività produttive" si intendono le "attività di produzione di beni e servizi, incluse le attività agricole, commerciali e artigianali, le attività turistiche e alberghiere, i servizi resi dalle banche e dagli intermediari finanziari e i servizi di telecomunicazioni,..." con particolare riferimento alle seguenti attività:

- dichiarazione di inizio attività produttive, industriali, artigianali, anche per l'esercizio di vendita per asporto, depositi ed esposizioni annessi ad attività commerciali, depositi anche alimentari annessi al commercio all'ingrosso;

- attività commerciali di vicinato, in sede fissa, forme speciali di vendita, attività commerciali medie e grandi strutture, pubblici esercizi di somministrazione al pubblico alimenti e bevande, circoli privati, alberghi e bed & breakfast, casa per vacanze e ferie, affittacamere, ostelli; attività ricettive all'aria aperta, agenzie di viaggio e turismo; attività agroturistiche, acconciatori, estetisti, tatuatori e altri servizi alla persona; noleggio di automezzi senza conducente, agenzie d'affari, sale giochi, distrubutori carburante, edicole, locali di pubblico spettacolo, piscine, palestre.

L'avvio delle attività economiche, nella maggior parte dei casi, è soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) che permette l'avvio immediato dell'attività stessa. Il controllo della conformità e la possibilità di inibizione delle attività non conformi da parte dell'ufficio preposto al controllo, può avvenire entro 60 giorni dalla data di presentazione della SCIA.

Le attività rimaste assoggettate alla procedura ordinaria con RICHIESTA di AUTORIZZAZIONE, il cui avvio può avvenire solo dopo formale rilascio sono:
- l'avvio ed il trasferimento delle attività di somministrazione alimenti e bevande che interessano
zone soggalla persona; noleggio di automezzi senza conducente, agenzie d'affari, sale giochi, distrubutori carburante, edicole, locali di pubblico spettacolo, piscine, palestre.

L'avvio delle attività economiche, nella maggior parte dei casi, è soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) che permette l'avvio immediato dell'attività stessa. Il controllo della conformità e la possibilità di inibizione delle attività non conformi da parte dell'ufficio preposto al controllo, può avvenire entro 60 giorni dalla data di presentazione della SCIA.

Le attività rimaste assoggettate alla procedura ordinaria con RICHIESTA di AUTORIZZAZIONE, il cui avvio può avvenire solo dopo formale rilascio sono:
ette a specifica programmazione comunale;
- le attività di commercio su aree pubbliche;
- l'apertura di medie e grandi strutture di vendita e centri commerciali;
- l'apertura di sale da gioco;
- tutte le attività assoggettate al rilascio di una autorizzazione espressa.

Viene assicurata all'utente richiedente una risposta telematica unica e tempestiva in luogo degli altri uffici comunali e di tutte le amministrazioni pubbliche comunque coinvolte nel procedimento (autorità competenti), ivi comprese quelle preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico o alla tutela della salute e della pubblica incolumità.

Le novità della riforma per i SUAP (dal D.P.R. 160/2010)

Il regolamento SUAP semplifica e informatizza i procedimenti amministrativi. L'informatizzazione è resa obbligatoria e si realizza attraverso ristrutturazioni minime o, comunque, avvalendosi e integrando infrastrutture e reti esistenti (facenti capo al sistema informatico delle Camere di Commercio). Il portale "impresainungiorno.gov" ha funzione di raccordo telematico e di interazione tra tutti i soggetti e gli Enti interessati, tra i quali le Agenzie delle Imprese.

Il 30 settembre 2010 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 229 il D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160 con il quale viene adottato il Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive il quale:

• identifica (art. 2 comma 1) nello Sportello Unico il solo soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi, e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento nonché cessazione o riattivazione delle suddette attività, ivi compresi quelli di cui al Decreto Legislativo del 26 marzo 2010, n. 59, specificando (art. 2 comma 2) che le domande, le dichiarazioni le segnalazioni e le comunicazioni nonché gli elaborati tecnici e gli allegati di cui al comma 1 sono presentati esclusivamente in modalità telematica.
• ribadisce la competenza dello Sportello Unico in merito all'inoltro sempre in via telematica della documentazione alle altre Amministrazioni che intervengono nel procedimento (art. 2 comma 3);
• individua nel portale "Impresainungiorno" la funzione di raccordo con le infrastrutture e le reti già operative (art. 3) per lo scambio informativo e l'interazione telematica tra le Amministrazioni e gli altri Enti interessati. E' pertanto rimesso al portale il collegamento ed il reindirizzo ai sistemi informativi e ai portali già realizzati, garantendo la interoperabilità tra le Amministrazioni (art. 3 comma 2)
• introduce nel sistema le Agenzie per le imprese, soggetto privato al quale sono riconosciute funzioni di natura istruttoria e d'asseverazione.

Il Regolamento apre, dunque, all'onnicomprensività dell'ambito di competenza dal SUAP.

Sono esclusi dall'applicazione del regolamento per il SUAP del D.P.R. 160/2010:
• gli impianti e le infrastrutture energetiche;
• le attività connesse all'impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e di materie radioattive;
• gli impianti nucleari e di smaltimento di rifiuti radioattivi
• le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi
• le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi di preminente interesse nazionale (di cui agli articoli 161 e seguenti del D. Lgs.12 aprile 2006, n.163).

Vengono automatizzate presso lo sportello SUAP, competente per il territorio in cui si svolge l'attività o è situato l'impianto, tutte le fasi e i processi di front-office per il ricevimento delle pratiche dell'utente, riguardanti le attività produttive ed i relativi elaborati tecnici.

Il SUAP provvede di seguito all'inoltro telematico della documentazione ad altre eventuali amministrazioni ed enti che intervengono nel procedimento (Provincia, ASL, VV.FF, ecc).

Le modalità telematiche, garantiranno inoltre il collegamento tra le attività relative alla costituzione dell'impresa di cui alla Comunicazione Unica.

"Impresainungiorno.gov" costituirà il sistema connettivo alle nuove funzioni e modalità di sportello, strumento unico su scala nazionale per la razionalizzazione delle componenti informative e per l'accesso ai front-end dei SUAP, punto di accesso unitario per la presentazione delle istanze relative all'intero ciclo di vita dell'impresa.
Consentirà all'impresa, in ogni parte d'Italia e d'Europa, di trovare informazioni sul SUAP competente per territorio a cui inoltrare la propria richiesta: sul tipo di pratica da attivare, sulla documentazione da fornire, sulla modulistica da utilizzare, sullo stato di avanzamento della propria pratica.

In Italia, il portale "impresainungiorno.gov", sistema di rete degli Sportelli Unici, costituirà Punto Unico di Contatto nazionale (PSC) previsto dalla Direttiva Servizi, con la quale gli Stati membri si impegnano a semplificare le procedure e le formalità imposte ai prestatori di servizi quando intendono operare in un altro paese europeo.

 

N.B. € 50,00  importo dei diritti di segreteria da versare per ogni singola pratica  con bonifico al seguente IBAN : IT02G0569652000000005075X01 allegando la relativa ricevuta sul portale SUAP